17/05/2018
Al Comune di Castiglion Fiorentino esame della situazione dello stato della sicurezza dell’Area della Valdichiana
Al Comune di Castiglion Fiorentino esame della situazione dello stato della sicurezza dell’Area della Valdichiana


Sicurezza pubblica, controllo del territorio, intensificazione della collaborazione tra Forze dell’Ordine e Polizie Municipali, prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata negli appalti pubblici: queste le tematiche esaminate dal Tavolo interistituzionale per la sicurezza dell’Area della Valdichiana, presieduto dal Prefetto di Arezzo, Clara Vaccaro, tenutosi nella mattinata odierna presso la sede del Comune di Castiglion Fiorentino.
 
Alla seduta erano presenti i vertici provinciali delle Forze dell’Ordine, dei Vigili del Fuoco nonché i Sindaci ed Assessori dei Comuni di Castiglion Fiorentino, Cortona, Foiano della Chiana, Lucignano, Marciano della Chiana e Monte San Savino.
 
Il Prefetto ha evidenziato che la situazione dell’ordine e della sicurezza pubblica nell’area della Valdichiana, grazie ai positivi risultati conseguiti dalle Forze dell’Ordine che quotidianamente presidiano il territorio, può ritenersi soddisfacente, pur se permane l’esigenza di monitorare e controllare talune criticità e fenomeni delittuosi, onde contenerne l’incidenza sul territorio.
 
Il settore degli appalti pubblici e delle pubbliche forniture merita la massima attenzione da parte di tutte le istituzioni, a vario titolo coinvolte, affinché l’economia legale ed i canali di impiego del denaro pubblico siano adeguatamente protetti, con gli strumenti messi a disposizione dall’ordinamento, al fine di prevenire la diffusione di fenomeni delittuosi quali il riciclaggio del denaro di provenienza illecita ovvero di intercettare ogni potenziale forma di infiltrazione della criminalità organizzata.
 
Il Prefetto ha rappresentato l’esigenza che le amministrazioni municipali debbano attuare tutti i meccanismi di controllo e di prevenzione sia nelle procedure di evidenza pubblica per la scelta del contraente sia nella fase dell’esecuzione dei contratti pubblici.
 
In tale quadro, è stata anche sottoposta all’attenzione dei Sindaci la proposta di sottoscrizione del “Protocollo di legalità per la prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata negli appalti pubblici” e del “Patto per la sicurezza urbana” quali documenti pattizi per realizzare forme di tutela preventiva del settore degli appalti pubblici e per promuovere livelli più elevati di sicurezza urbana.
 
            La sinergia tra le Forze dell’Ordine e le amministrazioni municipali nell’opera di prevenzione e contrasto di ogni forma di illegalità, si è rivelata determinante al fine di innalzare il controllo del territorio e di elevare la percezione della sicurezza da parte delle collettività locali.
 
ll dialogo incessante tra le amministrazioni municipali e le Forze dell’Ordine, l’installazione dei sistemi di video sorveglianza delle zone più sensibili dei rispettivi territori, sono strumenti indispensabili per un’efficace opera di prevenzione e per consentire di individuare i responsabili dei reati. Anche la diffusione dei progetti denominati “controlli di vicinato”, che permettono ai cittadini di trasmettere alle Forze dell’Ordine un patrimonio utile di notizie e segnalazioni, sono fondamentali per lo sviluppo delle indagini e per l’attuazione di efficaci interventi preventivi.
 
Sono state anche richiamate le disposizioni che debbono essere attuate in materia di security e di safety affinché ogni evento o spettacolo pubblico, che richiama la presenza di spettatori, si svolga in una cornice di massima sicurezza.
 
            Il Questore Failla, commentando i dati sulla delittuosità, ha confermato una significativa riduzione dei reati, frutto di una intensa e mirata azione di contrasto attraverso l’applicazione delle misure di prevenzione generale, della sorveglianza speciale e dei sequestri preventivi di patrimoni. Lo stesso ha evidenziato la necessità che sia mantenuto costante il canale comunicativo tra Comuni e Forze dell’Ordine ed , in tale quadro, ha auspicato un sempre maggior impiego degli strumenti amministrativi di prevenzione messi a disposizione dei Sindaci dalle recenti normative a tutela del decoro e della sicurezza urbana dei centri abitati.
 
            Anche il Colonnello Ligato dell’Arma dei Carabinieri ha confermato la funzione strategica che riveste la circolarità informativa e la collaborazione tra i Sindaci ed i comandanti delle rispettive stazioni, evidenziando il dato significativo dell’aumento delle richieste d’intervento formulate dai cittadini che, con fiducia, si rivolgono alle Forze dell’Ordine.
 
La Guardia di Finanza, secondo quanto rappresentato dal Comandante Tesi, è costantemente impegnata nei controlli sulle attività economiche e commerciali tipiche del territorio, quali quelle  agricole, del turismo e delle strutture ricettive, a difesa degli interessi fiscali e valutari dello Stato, dell’economia legale e della libera concorrenza del mercato, ribadendo la funzione strategica dello scambio di informazioni nel settore dei contratti pubblici.
 
Il  Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, ha riferito il Comandante Provinciale, è impegnato nell’azione di supporto ai Sindaci sulle tematiche del soccorso pubblico, della protezione civile e delle misure di sicurezza da  garantire in occasione delle manifestazioni pubbliche.
 
I civici amministratori hanno espresso un convinto ringraziamento ed apprezzamento per l’attività svolta dalle Forze dell’Ordine, garantendo che verrà rafforzata la sinergia delle Polizie Municipali e delle strutture dei Comuni nell’opera di salvaguardia e di controllo del territorio.
 
Il Sindaco di Castiglion Fiorentino, a chiusura dell’incontro, nel ringraziare il Prefetto  per l’attenzione riservata al territorio dell’area della Valdichiana, ha sottolineato che "contestualizzare l'incontro alle problematiche della vallata risulta efficace e molto importante al fine di mettere in atto strategie di prevenzione e repressione comuni”.